fbpx

Concimi a base di boro Treviglio

Chiunque intenda godere di piante da ornamento e da orto sempre sane e fertili deve sapere che a condizionarne le potenzialità produttive non sono solo i fattori ambientali e climatici.

Se i concimi a base di boro Treviglio sono così diffusi ed utilizzati qualche ragione ci sarà.

Anche l’insufficiente disponibilità degli elementi chimici che sono alla base della nutrizione giocano infatti un ruolo che definire chiave è riduttivo. I macro e i microelementi influiscono tantissimo sull’armonia e sull’equilibrio delle complesse strutture dei vegetali.

Alcuni di essi, come cloro, cobalto, sodio e silicio sono indispensabili solo per alcune specie vegetali, altri, quali il boro, il ferro, il manganese, il rame e lo zinco sono invece essenziali un po’ per tutte.

Concimi a base di boro Treviglio: a cosa servono esattamente?

Il mercato, sempre prodigo di soluzioni, ci mette a disposizione una soluzione a cui fare ricorso nei casi di inadeguata disponibilità di boro da parte delle piante: i concimi a base di boro Treviglio.

Stando a studi internazionali condotti in materia sembra che questa sostanza sia una di quelle che più di tutte è in grado di condizionare le potenzialità produttive delle colture a livello mondiale.

Il boro viene assorbito ad incredibile rapidità per andare poi ad irradiarsi all’interno dei tessuti vegetali. Il concime a base di boro Treviglio risulta particolarmente indicato sia per le applicazioni fogliari che per quelle radicali.

Le funzioni del boro nell’intero complesso metabolico vegetale sono fondamentali: questo microelemento favorisce infatti l’allungamento dei tessuti, la regolazione dell’assorbimento dell’azoto, la germinazione del polline, la germinabilità dei semi, l’attivazione degli zuccheri di riserva e molte altre funzioni fondamentali.

Quantità di concime a base di boro e fabbisogno piante

Come per tutti i microelementi anche i concimi a base di boro Treviglio devono essere impiegati in base al fabbisogno delle specie vegetali.

Quello delle piante coltivate è molto contenuto, in genere va dagli 80 gr ai 300 gr in base alle esigenze e le condizioni in cui versa a pianta.

Di norma, si applica per fertirrigazione da 7 a 10 kg/ha e per via fogliare da 150 a 350 g/hl.

I trattamenti con concime a base di boro Treviglio, sempre tenuto conto del fabbisogno delle piante, devono essere ripetuti in funzione delle necessità.

Concime a base di boro Treviglio: quali piante trattare

Il concime a base di boro Treviglio risulta assai utile per il trattamento di tutte le coltivazioni arboree, quindi, a solo titolo di esempio, olivo, agrumi, drupacee, vite, melo, pero e orticole.

Esso trova largo impiego anche nella cura delle colture estensive e floricole.

Ovviamente, la domanda che viene lecito porsi è la seguente: come rendersi conto che le piante hanno bisogno di un trattamento con concime a base di boro?

Se è vero che non esiste una manifestazione unica che lasci presagire la carenza di boro, questa comporta visibili problemi che vanno ad interessare il fusto, le foglie e gli organi riproduttivi.
in alcune piante si assiste alla necrosi delle foglie giovani, in altri frutti e tuberi presentano una buccia più ruvida e screpolata, in altri casi ancora le foglie presentano punteggiature marroni o brune o violacee, che possono condurre alla caduta delle foglie.
accade a volte che i gambi si spezzino cambiando colore, alcune specie mostrano una crescita molto rallentata.

Ecco, sono questi i casi in cui sarà bene intervenire con un concime a base di boro nelle modalità e quantità sopra consigliate.

Concimi a base di boro

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.